SERVIZI

CONSULENZA E SOSTEGNO PSICOLOGICO

La consulenza/sostegno psicologico si riferiscono ad un breve percorso di supporto con l’obiettivo di alleviare un disagio interno in particolari momenti di vita (crisi personale e familiare, malessere psicoemotivo nel contesto lavorativo o affettivo di riferimento, ecc …) favorendo l’acquisizione di strategie più funzionali per migliorare l’autostima, il senso di autoefficacia, per affrontare le situazioni di criticità in modo assertivo e, in generale, la qualità della vita personale e relazionale.

Tale intervento si attua in un arco di tempo breve e limitato (quantificabile ad un massimo di 3 / 4 mesi), viene impostato su un obiettivo ben precisato, al fine di rendere possibili scelte e cambiamenti percepiti come difficili, riconducendo l’assistito al “qui ed ora”, ossia al riadattamento/superamento della sua difficoltà attuale. Inoltre, il percorso di sostegno ha per oggetto un problema percepito dalla persona come una “urgenza emotiva” di un particolare momento di vita, al fine di ridefinire modalità di comportamento e azione più efficaci.

PSICOTERAPIA INTEGRATA

La psicoterapia si riferisce ad un percorso introspettivo auspicabile quando il soggetto sente che un problema coinvolge quasi tutte le aree della sua vita e del suo funzionamento (vita privata, sentimentale, lavorativa, sonno, alimentazione, tono dell’umore …), lamentando sintomatologie di vario genere (ansietà, depressione, evitamento sociale, conflittualità intrafamiliare e relazionale …).

Tale intervento si pone l’obiettivo di attenzionare e conoscere i propri meccanismi di funzionamento, declinarne l’origine nel proprio percorso di crescita e di vita, modificarli con la finalità di raggiungere un maggiore equilibrio interno. Parte quindi da un disagio/stato di malessere lamentato nel “qui ed ora”, per ripercorrerne l’esordio nel passato, favorendo un processo di cambiamento nel futuro.

Il fondamento di tale intervento concerne la creazione di una alleanza terapeutica che permetta di accompagnare l’assistito nell’esplorazione di sé, nell’acquisizione di consapevolezze circa il suo modo di pensare e di vivere le emozioni e nell’attuazione di un processo di cambiamento.

Nello specifico, l’approccio integrato consiste nella possibilità di rendere maggiormente flessibili diversi approcci teorici e tecnici (psicodinamico, cognitivo-comportamentale, relazionale …), in modo da offrire un percorso terapeutico flessibile, mirato ed orientato sui bisogni specifici e sulla struttura dell’assistito. L’integrazione deriva quindi dalla messa in atto di un trattamento specifico, su misura, adattando la metologia alle caratteristiche specifiche della persona ed unendo in sinergia tecniche terapeutiche differenti.

TERAPIA CON EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing)

L’EMDR è un metodo psicoterapico strutturato che facilita il trattamento di diverse psicopatologie e problemi legati sia ad eventi traumatici, che a esperienze più comuni ma emotivamente stressanti.

E’ un approccio psicoterapico interattivo e standardizzato, scientificamente comprovato da più di 20 studi randomizzati controllati condotti su pazienti traumatizzati e documentato in centinaia di pubblicazioni che ne riportano l’efficacia nel trattamento di numerose psicopatologie inclusi la depressione, l’ansia, le fobie, il lutto acuto, i sintomi somatici e le dipendenze. L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing, ovvero Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari) è un metodo psicoterapico che consente di alleviare lo stress e i disturbi causati da esperienze traumatiche.

La terapia con EMDR si basa sull’assunto che I pensieri, le emozioni e i comportamenti negativi siano il risultato di memorie non elaborate. Gli eventi traumatici, intesi non solo come catastrofi (incidenti, terremoti, abusi sessuali …) ma anche come situazioni altamente stressogene (essere stati vittime di bullismo, aver perso precocemente un genitore, aver vissuto con un genitore impaurito perché a sua volta vittima di eventi traumatici nell’infanzia, essere stati a contatto con un genitore depresso o essere stati umiliati da bambini), se non elaborati, possono avere un’influenza a lungo termine sul benessere della persona».

Focalizzandosi sulla rievocazione di eventi o situazioni che hanno contribuito allo sviluppo di problemi emotivi o disturbi psicologici, l’EMDR consente di modificare la prospettiva con cui si vedono queste esperienze, attraverso un ridimensionamento che trasforma il trauma in un ricordo privo di condizionamenti sul presente.

Quando è opportuno ricorrere all’EMDR?

È un trattamento utile in moltissimi sintomi: ansia, attacchi di panico, lutto traumatico, disturbi alimentari, disturbi del sonno, separazioni affettive e tutti i sintomi che portano la persona a rivolgersi ad uno psicoterapeuta. È un trattamento molto consigliato per i bambini che hanno dei sintomi di malessere potenzialmente collegati ad eventi di vita traumatici vissuti sia direttamente che indirettamente. Inoltre l’EMDR può essere utile anche per migliorare le performance in atleti o persone che hanno bisogno di aumentare il loro livello di performance».

Come funziona?

Dopo una fase di raccolta della storia di vita della persona ed una fase di preparazione alla terapia, il ricordo o i ricordi collegati maggiormente ai sintomi riferiti vengono trattati dallo psicoterapeuta con brevi set di stimolazione bilaterale.

Durante la stimolazione il paziente sarà in grado di collegare quel ricordo a reti di memoria più ampie, e sarà anche aiutato, attraverso le varie fasi, ad integrare quell’evento nella sua storia ma a non essere più emotivamente disturbato dal ricordo».

PARENT TRAINING E SUPPORTO ALLA GENITORIALITA’

Il Parent Training rappresenta uno strumento clinico importante sia per la coppia di genitori o anche per uno solo dei due genitori per affrontare situazioni di crisi, sofferenza e chiusura nella relazione con i figli. La necessità di un sostegno genitoriale può essere sentita come particolarmente funzionale in alcuni momenti delicati del percorso di crescita dei figli, come la preadolescenza e l’adolescenza o in situazioni contrassegnate da cambiamento / perdite (nuovi percorsi scolastici, lutti …).

 

Il parent training è un percorso attraverso cui dotare di nuovi strumenti i genitori in difficoltà rispetto alle diverse fasi di crescita del figlio. Nel caso in cui i genitori riconoscessero nel proprio figlio un momento di vulnerabilità / disagio, la possibilità di confrontarsi con uno specialista diventa importante per favorire una migliore comprensione dei bisogni del bambino o dell’adolescente e promuovere un cambiamento nelle proprie modalità comunicative e relazionali funzionale ad un maggiore benessere sia familiare, che del minore.

 

In sintesi L’intervento di Parent Training consiste in una serie di incontri finalizzati a meglio declinare la criticità manifestata dal figlio e la sua eventuale sintomatologia, definire la condotta problematica in modo da poter considerare nuove strategie operative applicabili e generalizzabili nella dimensione familiare. 

Il Parent Training favorisce un sostegno alla genitorialità anche in tutte quelle circostanze contrassegnate dalla presenza di conflittualità e tensione nella coppia genitoriale (soprattutto nei casi di separazione e divorzio), in cui l’aggressività tra i genitori si ripercuote negativamente in modo disadattivo sulla relazione con i figli.  

Nell’assolvere il proprio ruolo genitoriale, si possono attraversare momenti connotati da dubbi ed incertezze, in cui gli adulti si possono sentire disorientati, confusi ed affaticati. In queste circostanze diviene importante supportare i genitori nella loro funzione, favorire maggiore senso di padronanza, ed accrescere e rafforzare le competenze educative dei genitori stessi.

 

PERIZIE E CONSULENZE TECNICHE IN AMBITO FORENSE

L’ambito della psicologia forense si rivolge sia ad avvocati/studi legali, assicurazioni, tribunali, che a singole persone che necessitano di una consulenza/un intervento di tipo psicologico da utilizzare nel contesto legale sia di tipo civile che penale.

Gli ambiti di intervento possono riguardare: consulenza tecnica di parte (CTP) nell’ambito di situazioni di separazione, divorzio e affido dei minori, valutazione e quantificazione del danno biologico di natura psichica e mediazione familiare.

Consulenza tecnica di parte (CTP) 

Nei casi in cui il Giudice abbia nominato un consulente tecnico di ufficio (CTU), il CTP ha il compito di garantire il controllo sulla trasparenza e correttezza delle operazioni peritali e diventa un importante sostegno per la persona che si trova ad affrontare situazioni di separazione giudiziaria, conflittualità di coppia e affido di minori.

Valutazione e quantificazione del danno biologico di natura psichica (temporaneo e permanente)

Questo tipo di valutazione risponde alle richieste di risarcimento funzionali ad attestare la presenza di una eventuale trauma/disturbo psicopatologico in seguito a postumi di un sinistro stradale, nelle situazioni di lutto per fatto illecito (incidente mortale, malasanità etc) o di malessere psicofisico sul luogo di lavoro (condizioni di bornout e mobbing/vessazioni nell’ambiente lavorativo), o ancora nelle circostanze di stalking ( molestie e persecuzioni psicologiche nei confronti di una vittima).

La valutazione del danno è un processo finalizzato a comprendere e stimare con precisione (mediante una percentuale finale) quali aspetti del funzionamento psicoemoaffettivo/relazionale sono stati danneggiati nell’assistito. Il percorso si vale dell’utilizzo di colloqui clinici e strumenti psicodiagnostici attraverso i quali viene effettuata la diagnosi di un quadro psicopatologico mediante sistemi nosografici accreditati (DSM-V) e quantificato in percentuale il danno psichico temporaneo e permanente. 

Mediazione familiare

Il percorso si rivolge a genitori che hanno intenzione di separarsi, o anche già separati o divorziati, che vogliono gestire in modo armonico l’area della genitorialità e che richiedono di essere sostenuti nell’area del dialogo e ascolto prendendo decisioni condivise in merito ai figli. In diversi casi la separazione è una scelta condivisa tra marito e moglie, ma molto spesso si accompagna a una forte conflittualità che determina tensioni nel rapporto con i figli e può indurre dubbi circa le decisioni educative.

La mediazione familiare prevede in media 5-10 incontri, con cadenza quindicinale o mensile, alla presenza di entrambi i genitori.

 

VALUTAZIONI PSICOLOGICHE / PSICODIAGNOSTICHE

Le valutazioni psicologiche / psicodiagnostiche consistono in un breve ciclo di incontri che possono essere accompagnati dalla somministrazione di strumenti testali rivolti a bambini, adolescenti e adulti.

La psicodiagnosi favorisce un inquadramento generale del funzionamento dell’assistito, evidenziando le sue aree di vulnerabilità e malessere, di contro alle sue risorse. I reattivi utilizzati permettono di meglio indagare sia aspetti di tipo emo-affettivo, relazionale e comportamentale, che metacognitivo, oppure di focalizzare la sintomatologia clinica. Tale percorso valutativo costituisce un presupposto importante per sviluppare una progettualità di intervento terapeutico i cui obiettivi risultino ben orientati ai bisogni ed alle caratteristiche della persona. 

Si precisa che è nostra metodologia tecnica, al termine della fase valutativa, rilasciare sempre ai genitori o all’assistito una relazione clinica contenente sia gli aspetti emersi dalla somministrazione testale, che gli elementi osservati nella relazione terapeutica.

 

 

 

Chi siamo

Siamo due Psicologhe Psicoterapeute che, da oltre un decennio, collaborano a stretto contatto all’interno dello stesso studio, formatesi entrambe in terapia EMDR ed in psicologia giuridica.

©2020 psicoterapeutelodi.it All Rights Reserved.

Search